Professionisti di Fiducia

Ottavia Melluso, Fisioterapista ed Osteopata.

Lavoro come fisioterapista all’Ospedale Gaslini e come Osteopata D.O. privatamente. Mi occupo prevalentemente dell’età pediatrica e della donna in gravidanza. Il mio trattamento in ambito pediatrico, possibile sin dai primi giorni di vita del bambino, ha come obiettivo la prevenzione e l'eliminazione delle tensioni muscolari, articolari e viscerali causate dal parto, sia esso naturale o cesareo. Durante la gravidanza un bacino della madre stretto, posizioni viziate in utero per scarso liquido amniotico o gravidanza gemellare, possono determinare delle compressioni a livello fetale. Durante il parto una circonferenza cranica importante del bambino, l'utilizzo di ossitocina, epidurale, ventosa o un parto cesareo non programmato, possono predisporre diverse disfunzioni. Le problematiche più ricorrenti sono: torcicollo, plagiocefalia, tensioni alla colonna e al bacino, disturbi digestivi con rigurgiti frequenti, coliche, stitichezza, alterazione del ritmo sonno-veglia, irritabilità. L'intervento osteopatico è utile anche dopo qualsiasi evento traumatico, in caso di alterazioni occlusali e posturali che possano manifestarsi nel tempo. Durante la gravidanza le modificazioni corporee possono determinare disequilibri dell’apparato muscolo-scheletrico, dell’apparato digerente e neurovegetativo. Il trattamento osteopatico è indicato in caso di dolori alla colonna, agli arti, disturbi gastro-intestinali, disturbi del sonno e anche semplicemente a scopo preventivo. Favorisce il corretto posizionamento del feto e la massima mobilità del bacino in previsione del parto.

Giulia Giay-Meniet, Naturopata con formazione specialistica in Floriterapia

Nata a Genova nel 1983, ha conseguito il diploma di Naturopata nel 2006 presso la Scuola di Naturopatia dell’Istituto Riza di Milano e da allora si dedica allo studio del benessere psico-fisico in ambito olistico. Sempre nel 2006 inizia il suo percorso con l’energia del ReiKi e dopo aver acquisito il primo ed il secondo livello diventa operatrice ReiKi partecipando attivamente a seminari e scambi ReiKi. L’amore verso queste discipline la conducono ad approfondire la Floriterapia di Edward Bach iscrivendosi nel 2013 alla Scuola Superiore di Counseling in Floriterapia di Genova, scoprendo che il sistema filosofico-terapeutico di Bach conduce in un’appassionante esplorazione dell’individuo quale Essere-Bio-Psico-Spirituale e che i Fiori rappresentano tappe di un percorso evolutivo e una metodologia naturale per il riequilibrio dell’organismo. Da sempre appassionata all’uso dei cristalli nel 2014 inizia a partecipare a seminari di Cristalloterapia. Nel 2015 consegue il Master in Floriterapia descrittiva con il Dott. Ricardo Orozco, partecipa al seminario di “Fiori di Bach e la  Medicina tradizionale cinese” con Pablo Noriega e partecipa al seminario di Oli essenziali nella tradizione Alchemica Taoista della Medicina Tradizionale Cinese con Franco Bottalo. “Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo”. Questo aforisma di Ippocrate esprime al meglio lo stile di vita e gli interessi in ambito alimentare che la conducono a partecipare al Master in Psicoalimentazione con la Dr.ssa Marilù Mengoni ed infine a sposare la filosofia della Macrobiotica. La figura del Counselor in Floriterapia lavora nella relazione di aiuto, offrendo il suo sostegno in ogni momento della vita di ogni individuo, con l’obiettivo di risolvere problemi specifici, prendere decisioni, fronteggiare momenti di crisi, sviluppare il potenziale interno e migliorare le relazioni con altre persone. Lo scopo finale del suo lavoro è indurre un cambiamento per raggiungere uno stato di benessere e offrire alla persona l’opportunità di vivere in modo soddisfacente la propria vita. Il Counselor in Floriterapia può offrire aiuto alla donna nel periodo della gravidanza, prima e dopo il parto, per riuscire ad affrontare questa nuova ed unica esperienza che è la maternità nel modo più sereno possibile.

 

Dott.ssa Silvia Marvaldi, Pedagogista Clinico

Pedagogista Clinico, disciplinatoaisensidellaLegge4/2013, iscritta all'Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici n° 4490. Laureata in Scienze Pedagogiche presso la Facoltà degli Studi di Genova. La formazione da pedagogista clinico mi permette di attuare un intervento che agisce sulla globalità del soggetto per stimolare le risorse insite nella persona, affinché  sia capace di far fronte alle difficoltà e alle sfide della vita e possa raggiungere una concreta conquista dell'autonomia e della conoscenza di sé. L'aggettivo “clinico” definisce, infatti, un aiuto educativo rivolto a tutti quei soggetti che presentano delle difficoltà  fisiche, psichiche e sensoriali, che necessitano di sviluppare in sé le potenzialità, le abilità e le disponibilità (PAD), per favorire l'apprendimento e incidere positivamente sulla propria quotidianità. La formazione e l'esperienza appresa mi consentono di lavorare con soggetti che presentano difficoltà di apprendimento e di linguaggio, disturbi della condotta e della sfera emotiva, favorendo  e supportando la formazione della propria individualità. Ho svolto laboratori pedagogici finalizzati alla prevenzione, alla socializzazione e alla scoperta di sé, oltre ad aver collaborato a progetti rivolti a bambini e ragazzi che presentano disagi emotivi e comportamentali. Oltre a ciò, l'esperienza sino ad oggi acquisita con bambini/ragazzi affetti da Disturbo dello Spettro mi ha consentito di approfondire  e di applicare il metodo comportamentale per prevenire, affrontare e risolvere la condotta disfunzionale (detta, anche, comportamento problema) promuovendo, altresì,  l'acquisizione di abilità. Utilizzo tecniche di comunicazione alternativa, in particolare PECS e LIS (linguaggio dei segni);  inoltre sto ultimando un corso  di logopedia sul metodo Drežančić, caratterizzato da elementi musicali associati al gesto per favorire la spontaneità del linguaggio, anche in situazione di patologia.

 

Dott.ssa Liana Cassone
Dopo la Laurea in Psicologia, conseguita presso l'Università degli Studi di Pavia nell'anno 2006, mi sono specializzata in Psicoterapia a Genova a dicembre dell'anno 2010. 
Sul finire della scuola di specializzazione ho iniziato a lavorare per la sezione genovese della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori occupandomi esclusivamente, per i primi mesi, degli incontri di Educazione alla Salute con gli studenti di diverse scuole di ogni ordine e grado. E' proprio grazie al dialogo con questi ragazzi che ho iniziato ad interrogarmi sui concetti di Salute, intesa non solo come assenza di malattia, e di Ben-Essere. 
Nel 2011, poi, ho iniziato ad occuparmi dell'accoglienza e del sostegno di pazienti (donne) in trattamento oncologico. Mossi i primi passi in questo ambito, si è pian piano fatta strada in me la convinzione che quelle che accoglievo non erano "solo" pazienti, persone che, dall'etimologia della parola, "soffrono, sopportano, patiscono", ma erano e sono innanzitutto persone, ognuna portatrice della sua propria e unica storia di vita e di tutta una serie di risorse mai scoperte o "dimenticate", magari "intrappolate" in schemi di pensiero e di comportamento disfunzionali, causa di sofferenza psichica ma anche, come ormai sottolineano moltissimi studi scientifici, concausa di manifestazioni e patologie organiche (dalle meno alle più invalidanti). Sono convinta del fatto che guardare e riconoscere questi schemi non voglia dire sottolineare quanto ognuno di noi sia "causa" del suo male. Al contrario, questa presa di coscienza si può tradurre in una base di partenza per lavorare su tutte le risorse personali su cui ognuno di noi può contare per mettere in moto un processo che tenda a ristabilire un equilibrio, psichico ma anche fisico. Grazie a questo mio percorso e al lavoro con centinaia di donne, e con le loro storie, storie che mi hanno attraversato e che conservo tra le dita, sulla pelle, nell'anima, il mio sguardo sulla malattia, ma soprattutto sul femminile, sul materno e sull'essere e diventare donna e madre (usando il termine in senso lato) è decisamente cambiato. Ho sentito l'esigenza di sviluppare sempre di più un nuovo approccio e sono adesso al termine di un percorso di Formazione Superiore in Psicoterapia con l'Esperienza Immaginativa. Sento questo approccio, che affonda le sue radici nel mito, nell'archetipo, nel simbolo, appartenermi profondamente.
Guardare solo alla situazione contingente di malessere e/o malattia significherebbe negare la storia di vita di ogni persona e non valorizzare e sostenere tutte quelle forze che, se attivate adeguatamente, possono favorire e alimentare il percorso di ritorno al Benessere. Il mio modo di lavorare consiste nell'accompagnare la persona, anche attraverso l'Esperienza Immaginativa, ad avvicinarsi all'idea di essere parte attiva della sua vita e ad intravedere nella crisi anche una possibilità di conoscenza di sé, sviluppo e crescita.

  • EVStudio Fotografico
  • Arcobaleno

Chi Siamo

Le Maree nascono dall’incontro di cinque ostetriche libere professioniste ed una mamma unite ed affiatate nel realizzare un sogno: aprire la prima Casa Maternità della Liguria. La collaborazione tra le ostetriche inizia nel Dicembre 2013 con l’organizzazione di uno stand all’interno di Fiera Natale Idea.

Seguici su